Nato originariamente come fiera dedicata al cento percento all'elettronica, il Consumer Electronics Show di Las Vegas, spesso semplicemente chiamato CES (sì, lo so, per noi italiani questa sigla non funziona benissimo) sta cambiando pelle inglobando, tra le altre cose, il mondo dell'automobilismo.

Alla fine è un'evoluzione prevedibile e naturale. Una volta le auto erano design e meccanica, oggi ci sono una valanga di altri fattori e la tecnologia ha un impatto enorme sulla costruzione di un'auto moderna. Persino il NAIAS, il mitologico Salone di Detroit, ha cambiato formato e date, spostandosi da gennaio a giugno, proprio per evitare questa concomitanza pericolosa con il CES. La presenza automobilistica al CES è sempre più forte e destinata a crescere nell'immediato futuro.

Audi si è presentata a Sin City con AI:ME, una concept con il nome infarcito di punteggiatura, come si conviene nel 2020, pensata per mostrare le potenzialità di comfort e integrazione tecnologica per gli interni delle Audi di alta gamma di domani. Audi AI:ME è un salotto su quattro ruote pensato per la mobilità da A a B, quella utilitaria e pratica e non collegata solamente al piacere di guida.

La AI:ME introduce Audi Intelligence Experience, un concept di strumentazione in cui il display on-demand, gli strumenti come head-up display e la realtà aumentata si adattato a parametri preconfigurati oppure calcolati in tempo reale in base agli input dei passeggeri.

Si tratta, per farla breve, di proiettare l'ufficio e/o la propria abitazione all'interno di un veicolo permettendo di svolgere alcune azioni in mobilità. Ordinare cibo mentre si va al ristorante, organizzare appuntamenti di lavoro mentre si va in ufficio. Suona inutilmente complicato, e forse lo è, ma si tratta di fatto di una sorta iper-complessa alternativa alla chiamata via bluetooth.

All'interno dell'abitacolo sono presenti anche due visori VR per realtà virtuale e intrattenimento, oltre a varie regolazioni per cose come l'illuminazione e l'umidità a bordo. L'idea è di trasformare le auto cittadine in case mobili. C'è anche un on demand, trasparente e parzialmente incassato nella plancia, che si estende fino a 122 cm in larghezza e 25.5 d'altezza.

Oltre a AI:ME, Audi porterà al CES anche Q4 e-tron concept e e-tron Sportback, due recenti addizioni alla già ampia gamma Audi. Non so come e quando questo tipo di tecnologia verrà utilizzata nel mondo reale. Secondo me mancano ancora tanti anni perché qualcosa di simile possa davvero andare oltre la presenza ai saloni dell'auto e qualche dimostrazione o test su strada. A me non piace l'idea dell'auto autonoma ma questa è la realtà, quindi se potessi immaginarne un'applicazione realistica, mi piacerebbe un mezzo del genere che mi porta da casa mia al Circuito del Mugello mentre guardo Our Man in Japan su Amazon Prime. E poi una volta arrivato al Mugello trovo ad aspettarmi una super analogica Audi R8 V10.

New Love food? Try foodtribe.

Join in

Loading...
Comments (3)
    Loading...
Loading...
Loading...
Loading...
3
Loading...