Bentley è un marchio storico dell'automobilismo, in attività sin dal 1919, la casa di Crewe festeggia quest'anno il suo centesimo compleanno.

Cento anni e tanti successi, sin da quando Walter Owen Bentley fondò la Bentley Motors, che nell'arco dell'anno sono stati ampiamente celebrati dalla casa inglese.

Mister Bentley, dopo aver conseguito una laurea in ingegneria e aver fatto qualche anno di gavetta come apprendista in varie officine meccaniche, decise di mettersi in proprio, fondando con il fratello la Bentley&Bentley, una società dedicata all'importazione di auto francesi. Successivamente nel 1919, in un'officina Londinese vicino Baker Street, nacque la Bentley Motors Ltd.

Dal primo telaio, presentato nello stesso anno della fondazione al London Motor Show, ne sono successe tante. I Bentley Boys ad esempio, ricchi e intrepidi piloti che a bordo delle Bentley portarono alto il nome della casa nelle competizioni automobilistiche, vincendo la 24 ore di LeMans per quattro anni consecutivi, dal 1927 al 1930.

Anni d'oro e auto indimenticabili, ma con l'arrivo della Grande Depressione, anche Bentley si trovó in difficoltà, e fu infine acquistata dalla Rolls-Royce nel 1931. L'inizio del secondo conflitto mondiale tuttavia postocipó la produzione della prima Bentley sotto l'egida Rolls-Royce al 1946, anno in cui venne presentata la Mark VI, prodotta negli stabilimenti di Crewe.

Nel corso degli anni, Bentley passerà dalle mani di Rolls-Royce in quelle del gruppo Volkswagen, mantenendo il suo quartier generale nel Cheshire a Crewe, dove la sede amministrativa e la fabbrica sono circondati dal verde della campagna inglese.

È proprio l'attenzione mostrata da Bentley negli ultimi anni riguardo all'ecosostenibilità che ha portato ad un paio di iniziative interessanti. Pochi mesi fa l'azienda aveva raccolto il primo miele proveniente dalle arnie installate nei pressi del quartiere generale, con lo scopo di sostenere la biodiversità e salvaguardare la flora circostante la tenuta.

Bentley sembra avere preso a cuore la missione di compensare le emissioni causate dalla produzione delle sue auto, e in occasione della settimana nazionale degli alberi, tenutasi dal 23 Novembre al primo Dicembre, ha deciso di piantare sul terreno circostante la fabbrica cento alberi, uno per ogni anno dalla fondazione.

Le varietà di alberi sono tutte autoctone, e sono state piantate con grande cura e attenzione all'estetica. Il viale principale che conduce alla tenuta di Pyms Lane è stato abbellito con 15 ciliegi, che una volta in fiore formeranno certamente una cornice suggestiva. Dieci querce abbelliscono la zona antistante agli uffici amministrativi, alcuni alberi da frutto sono stati rilocati all'ingresso del centro visitatori, in modo da creare un piacevole frutteto. Altre settanta piante tra cui Aceri, Faggi, Noci e Olmi sono stati piazzati nell'area della proprietà.

Peter Bosch, membro del consiglio di produzione ha dichiarato :

"Il legno di origine eco sostenibile è sempre stato una delle priorità principali di Bentley, sin dall'inizio cento anni fa, e continua ad essere un elemento essenziale della manifattura delle nostre auto (...)"

"Bentley continua a impegnarsi nel diventare il produttore di auto di lusso più sostenibile, questa è una grande iniziativa pratica in cui investire in termini di sostenibilità a lungo termine per la nostra sede, e un modo appropriato per concludere il nostro centenario. "

New Love food? Try foodtribe.
Loading...
Loading...
Loading...
1
Loading...