Bentley ha vissuto un 2019 abbastanza incredibile. Era il centenario e il brand di Crewe ha fatto tutto quello che poteva per rimarcarlo ogni giorno dell'anno. Si sono inventati mille eventi, hanno costruito una concept celebrativa, la EXP100GT, e ora hanno deciso di festeggiare le nozze di diamante, ovvero il 60° anniversario, del V8 Bentley.

Il V8 Bentley venne utilizzato per la prima volta sulla S2 del 1959, rimpiazzava lo straight-six, e al di là degli inevitabili aggiornamenti negli anni, si trova ancora sotto il cofano di diverse Bentley moderne, il che lo rende di fatto il V8 più longevo di sempre.

Questo propulsore è stato utilizzato su 23 Bentley diverse, ultima fra le quali la Mulsanne Speed twin-turbo, il cui V8 genera 537 cavalli e 1.100 Nm di coppia. Mulsanne Speed accelera da zero a cento in 4,9 secondi e ha una velocità massima di 305 km/h. Dal 1959 a oggi sono state prodotte 35.898 unità del V8 ed è stato sempre stato disegnato e costruito a Crewe. Il V8 da 6.2 litri che rimpiazzò il sei cilindri era più leggero (-13 kg) e più coppioso, oltre che più potente. Venne poi utilizzato, spesso nella mitologica versione "sei e tre quarti" (six and three quarters) anche nella serie T presentata a partire dal 1965. Quest'ultimo, il 6¾, venne presentato nel 1971 con un aumento di corsa da 3,6 a 3,9 pollici.

Bentley usa il V8, anche se più piccolo con "soli" 4 litri di cilindrata, anche su Continental GT e Bentayga models.

New Love food? Try foodtribe.
Loading...
Loading...
Loading...
2
Loading...