BRABHAM : IL DIFFICILE INIZIO DELL'ERA ECCLESTONE

Nel 1972 iniziarono in maniera difficoltosa i 15 anni di gestione della Brabham da parte di Bernie Ecclestone

40w ago

548

Dopo averlo ricevuto in eredità da Jack Brabham nel 1971, il progettista Ron Tauranac decise di vendere il team Brabham a Bernie Ecclestone, ex manager del defunto campione del mondo Jochen Rindt.

BRABHAM BT37

Per lo sviluppo della nuova BT37 che avrebbe dovuto partecipare alla stagione 1972 Ecclestone affidò l'incarico all'australiano Ralph Bellamy appena trasferitosi dalla McLaren.

La sezione frontale

La sezione frontale

La vettura, basata su di un telaio monoscocca in alluminio, era motorizzata con un propulsore Cosworth DFV V8 3.0 da 460 cv gestito da un cambio manuale Hewland FG400 a cinque rapporti.

La sezione laterale

La sezione laterale

Affidata al due volte campione del mondo Graham Hill e all'esordiente Carlos Reutemann, la vettura si dimostrò scarsamente competitiva conquistando solo 4 piazzamenti a punti e nussun podio.

BRABHAM BT42

Una stagione senza podi non avveniva dal 1962, anno di esordio della scuderia in Formula 1, e questo indusse Ecclestone a licenziare Bellamy e ad assumere il sudafricano Gordon Murray per realizzare una monoposto che fosse veramente competitiva per il campionato 1973.

La sezione frontale

La sezione frontale

Nacque così la nuova BT42 che riprendeva la stessa meccanica della precedente BT37 ma introduceva un'aerodinamica particolarmente curata che prevedeva un ala anteriore con prese d'aria laterali inserite in una linea a cuneo che offre minore resistenza all'avanzamento mentre le fiancate scendono inclinate, seguendo l'inclinazione del blocco motore posto alla fine di queste.

La sezione laterale

La sezione laterale

Il nuovo design si rivelò funzionale e la vettura, pilotata dai corridori Carlos Reutemann e Wilson Fitipaldi, riuscì a conquistare due terzi posti in Francia e Stati Uniti grazie al pilota argentino che valsero al team britannico la quarta piazza nel campionato costruttori.

BRABHAM BT44

I risultati indussero Murray ha megliorare la BT42 evolvendola nella nuova BT44 grazie ad un incremento di potenza del motore Cosworth a 470 cv e a nuove migliorie per l'aerodinamica che comprendevano una nuova ala anteriore fornita di nuo prese d'aria laterali semplificate e un nuovo airscope integrato con il resto della carrozzeria.

La sezione frontale

La sezione frontale

Questi miglioramenti permisero a Reutemann di vincere in Sudafrica, Austria e Stati Uniti ma la mancanza di un secondo pilota che avesse risultati costanti fece scendere la Brabham al quinto posto nella classifica costruttori nella stagione 1974. Ma la via del rinnovamento era stata ormai intrapresa..

Highlights del GP del Sudafrica 1974

Loading...

Highlights del GP d'Austria 1974

Loading...

Grazie a Valentina Zanola e Alessandro Renesis per la cooperazione

Loading...
Loading...

Join In

Comments (0)

    Loading...
    Loading...
    0