Sin da quando aveva fondato la sua azienda automobilistica nel 1905 il francese Louise Delage aveva sempre avuto una grande passione per le competizioni, tanto da parteciparvi già dal 1906 quando due veicoli vennero iscritti alla Coupe de Voiturettes tenutasi a Rambouillet.

Negli anni l'impegno sportivo si espanse sempre di più e nel 1925, quando venne istituito il primo campionato mondiale per auto da corsa, l'azienda francese non volle mancare sulla griglia di partenza per dimostrare le qualità velocistiche dei propri mezzi.

Quell'anno fu l'Alfa Romeo a vincere il campionato, ma la Delage riuscì comunque ad aggiudicarsi il Gran Premio di Montlhéry e il Gran Premio di San Sebastiàn, una delle numerose prove non valide per il campionato.

L'anno successivo il regolamento venne cambiato e per questo motivo il progettista Albert Lory progettò una nuova vettura che prese il nome di Type 15 S8.

Basata su di un telaio a longheroni in acciaio ricoperto da una carrozzeria dello stesso materiale, la vettura venne dotata di un nuovo propulsore ad otto cilindri 1.5 16V gestito da un cambio manuale a 5 rapporti ed abbinato alla trazione posteriore.

In grado di generare la potenza di 170 cv, il motore riusciva a spingere la vettura fino alla velocità massima di 210 km/h anche grazie al peso contenuto a 750 kg.

Non venne considerato però un difetto di fabbricazione, e cioè il posizionamento del terminale di scarico accanto al sedile del pilota, il quale era costretto a subire tremende vampate di calore in quanto l'isolamento termico all'epoca era poco più di un opinione.

Ciò precluse la vittoria nel campionato 1926, anche se venne ottenuta una brillante vittoria nel Gran Premio d'Inghilterra svoltosi sul velocissimo autodromo di Brooklands.

Lory sapeva però che il progetto era valido e nel 1927 spostò l'impianto di scarico dall'altro lato della S8 ed eliminò il sedile riservato al meccanico, ottenendo un significativo risparmio di peso.

Queste modifiche permisero alla Type 15 pilotata dal francese Robert Benoist di aggiudicarsi 4 delle 5 corse, facendo ottenere alla Delage il titolo di campione del mondo.

Fu il momento più alto della storia sportiva dell'azienda francese, la quale non riuscì più ad imporsi in gara dopo la crisi del 1929 e la successiva acquisizione da parte della Delahaye.

Grazie a Valentina Zanola per la cooperazione

Loading...

New Love food? Try foodtribe.

Join in

Loading...
Comments (0)
    Loading...
    Loading...
    Loading...
    0
    Loading...