L'industria automobilistica statunitense è famosa a livello globale per la costruzione di un gran numero di modelli iconici e tra questi rientra anche la Chevrolet El Camino.

Costruito in quattro generazioni tra il 1959 e il 1987, era basato sulla meccanica di alcune delle più famose auto dell'azienda americana tra cui l'Impala, la Chevelle, la Malibù e la Monte Carlo.

E' stata forse la vettura che ha reso celebre i piccoli pick-up ad alte prestazioni in tutto il mondo ed è ancora oggi amatissima da molti estimatori.

La Chevrolet non ha mai cercato di costruirne una quinta serie e per questo motivo alcune aziende hanno cercato nel tempo di imitarla e tra queste vi è la califroniana DiMora con sede nella città di Carpinteria.

La società era stata fondata nel 1980 da Sir Alfred J. DiMora sulle ceneri della Clénet Coachworks e si occupava di costruzione di vetture in stile vintage, ma nel 2007 decise di diversificare le proprie attività realizzando una moderna interpretazione del famoso veicolo da lavoro.

Denominata XJ Coupè, venne realizzata usando come base una Chrysler Concorde di seconda generazione a cui venne eliminato l'abitacolo posteriore per fare posto ad un pianale di carico accessibile tramite un portello ad attivazione elettronica.

Verniciata con un colore iridescente, l'auto fu potenziata con un nuovo propulsore V6 3.2 realizzato dall'ATK in sostituzione del precedente EGW V6 3.2 da 220 cv.

Gestito da un cambio automatico a quattro rapporti, il motore era in grado di generare la potenza di 260 cv garantendo un accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi con velocità massima di 240 km/h.

VERDETTO

L'auto rimase allo stadio di concept car e forse questo è stato un bene in quanto il design era forse un pò troppo sgraziato per avere successo commericale.

Grazie a Valentina Zanola per la cooperazione

Loading...
New Love food? Try foodtribe.

Join in

Loading...
Comments (0)
    Loading...
    Loading...
    Loading...
    0
    Loading...