- La Ford GT40 Mk IV

Mentre Carol Shelby era impegnato a sviluppare la Ford GT40 da inscrivere nel World Sportscar Championship del 1966, la dirigenza dell'azienda statunitense decise di creare contemporaneamente una nuova vettura che ne estremizzasse le soluzioni tecniche.

La sezione frontale

La sezione frontale

Il telaio della nuova GT40 Mk IV avvolto in una carrozzeria in fibra di vetro venne commissionato alla Brunswick Aerospace e si presentava come un'innovativo monoscocca con pannelli a nido d'ape in alluminio concepito per essere leggero e al contempo resistere alle tremende sollecitazioni riversate sulla vettura nei rettilinei.

La sezione laterale

La sezione laterale

Come motore venne invece montato un Big Block V8 7.0 da 500 cv gestito da un cambio da un cambio manuale a quattro rapporti ed abbinato alla trazione posteriore.

L'abitacolo

L'abitacolo

Costruita in otto esemplari, la Mk IV venne impiegata solamente nella 12 Ore di Sebring e nella 24 Ore di Le Mans del 1967 come rinforzo alle più piccole Mk II contro le Ferrari e le nuove Chaparral.

Lo schema tecnico

Lo schema tecnico

In entrambe le gare la vettura trionfò in il larga misura sulle Ferrari, ma ciò non impedì comunque alla casa italiana di conquistare il campionato nella rispettiva categoria.

Highlights della 12 Ore di Sebring del 1967

Loading...

La Ford GT40 Mk IV durante la 24 Ore di Le Mans del 1967

Loading...

Grazie a Valentina Zanola e Alessandro Renesis per la cooperazione

Loading...
Loading...
New Love food? Try foodtribe.
Loading...
Loading...
Loading...
0
Loading...