Loading...
- La Kaiser Darrin ( Crediti : www.supercars.net )

KAISER DARRIN : NATA SFORTUNATA

1w ago

240

Nel 1954 Henry J. Kaiser, proprietario della Kaiser Motors di Ypsilanti, decise di contrastare le roadster europee vendute negli Stati Uniti realizzando una nuova vettura denominata Darrin.

La sezione laterale ( Crediti : www.imgur.com )

Capo del progetto fu Howard Darrin, da cui il mezzo prese il nome.

Gli interni ( Crediti : www.stevemckelvie.com )

La vettura fu una delle prime auto sportive statunitensi costruite con la carrozzeria in vetroresina. Le portiere laterali della vettura non erano incernierate ed apribili verso l'esterno, in quanto esse erano posizionate su di un piano scorrevole che le faceva scorrere nella parte anteriore della vettura al momento dell'ingresso nell'abitacolo del pilota e del passeggero.

Il propulsore F-head 2.6 ( Crediti : www.stevemckelvie.com )

Come propulsore venne impiegato un F-head 2.6 sei cilindri da 90 cv. La scelta del propulsore fu la causa di un ritardo dell'immissione sul mercato della Darrin, in quanto il primo prototipo venne presentato nel 1952, ma la commercializzazione partì solo nel 1954 poiché i vari propulsori testati prima dell'F-head o si erano rivelati inadeguati o vi erano stati problemi di forniture.

Dettaglio delle portiere a scomparsa ( Crediti : www.rmsothebys.com )

Sempre il motore determinò lo scarso successo della Darrin, in quanto le prestazioni che assicurava non erano ottimali per un'auto sportiva (velocità massima non superiore a 153 km/h e accelerazione da 0 a 100 km/h in 15 secondi).

La sezione posteriore ( Crediti : www.wheelsage.org )

Altra causa che ne determinò l'uscita di produzione fu che la fabbrica di Toledo dove veniva costruita fu colpita da una forte tempesta di neve che la danneggiò seriamente bloccandone le operazioni per un lungo periodo.

Non ne venne mai creata un erede in quanto l'azienda venne soppressa all'inizio del 1955 sempre a causa del pesante danneggiamento della fabbrica di Toledo.

Descrizione della Kaiser Darrin

Grazie a Valentina Zanola per la cooperazione

Loading...
Loading...
Loading...
3
Loading...