- La Lotus Carlton

LOTUS CARLTON : L'OPEL CHE NON TI ASPETTI

1w ago

250

L'Opel Omega 3000 era nata per tentare di inserirsi nel settore delle berline ad alte prestazioni, ma la concorrenza si era rivelata fin troppo agguerrita.

La sezione frontale

Per questo motivo si rivolsero nel 1990 alla Lotus per realizzarne una variante ancora più estrema che venne denominata Lotus Carlton.

La sezione laterale

Prodotta in 950 esemplari fino al 1994, era basata su di un telaio in acciaio ed implementava un propulsore esacilindrico 3.6 Biturbo gestito da un cambio manuale a sei rapporti ZF ed abbinato alla trazione posteriore.

La sezione posteriore

In grado di erogare la potenza di 377 cv con coppia di 568 Nm, il motore riuscì a far raggiungere alla Carlton la velocità record di 283 km/h con accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi.

L'abitacolo

L'impianto frenante era rappresentato da freni a disco AP Racing autoventilatti abbinati al sistema ABS mentre le sospensioni erano composte da montanti McPherson all'anteriore e dal sistema multilink in quella posteriore.

Test Drive della vettura

Grazie a Valentina Zanola e Alessandro Renesis per la cooperazione

New Love food? Try foodtribe.

Join in

Comments (0)

    YOU MIGHT ALSO LIKE

    0