- La Lotus Exige 265E

All'inizio degli anni 2000 molte case produttrici, prima di lanciarsi nell'ultimo decennio nel settore elettrico, valutarono con interesse la possibilità di sfruttare il Bioetanolo come combustibile per i propri mezzi grazie alle sue proprietà che incrementavano le prestazioni e riducevano i consumi.

L'originale Lotus Exige S

L'originale Lotus Exige S

Anche la Lotus ci fece un pensierino nel 2007, quando realizzò una concept car basata sulla Exige denominata 265E.

La sezione frontale

La sezione frontale

Identica alla Exige S dal punto di vista sia estetico che meccanico, la vettura era dotata di un propulsore quadricilndrico Toyota 2ZZ-GE 1.8 16V gestito da un cambio manuale a sei rapporti ed abbinato alla trazione posteriore.

La sezione laterale

La sezione laterale

Grazie al montaggio di un nuovo compressore volumetrico Roots Eaton M62 e di un nuovo intercooler il motore era in grado di erogare la potenza di 290 cv con coppia di 249 Nm, permettendo alla 265E un accellerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi con velocità massima di 265 km/h.

La sezione posteriore

La sezione posteriore

Prodotta in unico esemplare, non venne mai avviata alla produzione in quanto venne valutata controproducente la sua messa in produzione di serie.

Test Drive della 265E

Loading...

Grazie a Valentina Zanola e Alessandro Renesis per la cooperazione

Loading...
Loading...
New Love food? Try foodtribe.
Loading...
Loading...
Loading...
0
Loading...